L’uomo che sedusse la Gioconda: Intervista all’autore

0
(0)

Nella categoria dei Romanzi Storici (libripiuvenduti.it/romanzi-storici/), tra le novità più interessanti e gradite dai lettori nel periodo a cavallo tra la fine del 2019 e gennaio 2020, abbiamo notato il Romanzo “L’uomo che sedusse la Gioconda“.

Il Romanzo racconta una storia coinvolgente così come lo è la storia dello stesso autore: scrittore e allo stesso tempo ingegnere di successo.

Questi sono i motivi che ci hanno spinto ad intervistare Cristian Lentini a cui lasciamo la “parola”.

Parliamo un po’ di Te, dove sei nato? Come ti sei formato?

Sono nato nella “spia dello Ionio”, Mottola, paese della Bassa Murgia pugliese ad una trentina di km da quella che fu capitale della Magna Grecia, ho frequentato il locale liceo scientifico per poi completare i miei studi in Ingegneria tra la Calabria e la Svizzera. 

Sin dagli anni liceali, oltre a formarmi in campo logico-scientifico-tecnologico, ho coltivato la passione umanistica per le Lettere ed in particolare per la Storia e la Filosofia. È in questo periodo che, seguendo forse le orme paterne, ho anche iniziato a scrivere poesie e aforismi.

Prima del romanzo “L’uomo che sedusse la Gioconda”, hai pubblicato altre opere?

Si, “L’uomo che sedusse la Gioconda” è il secondo romanzo. Un po’ di anni fa ho pubblicato “Storia romanzata della Guerra di Troia”, una serie di compendi, cronologie storiche e saggi cartografici, il saggio “Pantheon Magnorum” , ecc. ecc. fino ai più recenti libri di poesie “Like a butterfly” e “9 miliardi di oscillazioni di cesio” . L’ultimo saggio è “PraisING – Elogio dell’Ingegnere” che ha avuto un discreto successo anche tra colleghi e studenti.

Ah sì, perché sei anche ingegnere…

Si, sono ingegnere informatico, mi occupo di web application systems, sono docente ordinario di Tecnologia e Presidente della Commissione ICT dell’Ordine degli Ingegneri di Taranto… insomma non mi annoio !!!

Abbiamo letto il tuo lungo Curriculum Vitae… Come mai un brillante ingegnere, uno che ha lavorato nel settore dell’informatica per la Difesa, che ha costruito aerei per la Boeing, che si è occupato di Digital Forensics, decide ad un certo punto di scrivere romanzi e saggi letterari?

Ah bhé, non te lo so dire. Perché in realtà non l’ho deciso, l’ho fatto! La scrittura è sempre stata una cosa che mi ha appassionato, anche quando studiavo ingegneria dei sistemi operativi o la polimerizzazione del carbonio in autoclave. Steve Jobs diceva che “la creatività nasce quando la duplice passione per il mondo umanistico e il mondo scientifico si combina in una forte personalità.”… Sono comunque in buona compagnia: il mondo è pieno di esempi come il mio, molto più illustri e degni di menzione. Mi piace ricordare, uno fra tutti, il grande Luciano De Crescenzo che ci ha lasciati qualche mese fa…

Parlaci adesso de “L’uomo che sedusse la Gioconda”. Di cosa tratta?

Prologo ed epilogo a parte, è la storia di Tristano, un giovane diplomatico pontificio dal passato misterioso e tenebroso che tra strategie ed inganni, tra avventure e complotti dell’Italia del Rinascimento porta brillantemente a termine le sue missioni padroneggiando l’arte della seduzione. Arriverà però il momento in cui il destino gli commissionerà l’impresa più importante. Fu allora che Tristano stravolge la sua vita… è allora che seduce colei che, immortalata indecifrabilmente da Leonardo, con il suo sguardo ha poi sedotto il mondo.

A chi consiglieresti la lettura del tuo libro e perché?

“L’uomo che sedusse la Gioconda” è un libro che suggerisco a tutti coloro che amano la bella scrittura, agli appassionati di storia e di filosofia, ovviamente, agli inguaribili romantici, ai cultori e agli ammiratori delle arti, non solo a quelli dell’arte della seduzione, a chi, come me, ha primario e continuo bisogno di sognare nel passato per riuscire a vivere nel presente.

Oltre ovviamente ai tuoi romanzi, che libro consiglieresti di leggere ad un adolescente?

Senza ombra di dubbio il mio preferito: “Il Conte di Montecristo” di Alexander Dumas. O “Il rosso e il nero” di Sthendal”… poi, dipende dal genere preferito.

Cosa pensi della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook?

È una trasformazione inevitabile che tuttavia va gestita.

La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ben formato?

È un colpo di fulmine che però diventa amore con la consapevolezza vissuta.

La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne hai preso coscienza pian piano nel corso della vita?

Anche per i sogni nel cassetto prima o poi arriva il momento dell’analisi senziente; credo che la presa di consapevolezza è indispensabile per realizzare i sogni.

Qual è il prossimo libro che leggerai o che hai iniziato a leggere da poco?

“Lungo petalo di mare” di Isabel Allende.

Cosa ne pensi della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Sono favorevole. Penso che nel processo d’integrazione e convergenza tecnologica in atto è una delle frontiere più prossime alla standardizzazione.

Grazie

Ringraziamo Cristian per averci concesso questa intervista e invitiamo chi fosse interessato a valutare la lettura del suo romanzo:

Offerta
L'uomo che sedusse la Gioconda
  • Lentini, Dionigi Cristian (Author)

Se hai già letto il libro, puoi commentare questo articolo e condividere la tua opinione. Grazie

Staff Libripiuvenduti.it

Quanto ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Voto medio 0 / 5. Numero di voti: 0

Non ci sono ancora voti. Sii il primo a votare questo articolo.

Se questo articolo ti è piaciuto...

Seguici su Facebook! 🙂

Ci spiace non ti sia piaciuto questo articolo!

Aiutaci a migliorare questo post

Puoi dirci cosa non va in questo post e come possiamo migliorare?

Categorie Blog

4 commenti su “L’uomo che sedusse la Gioconda: Intervista all’autore”

  1. È un libro meraviglioso. L’ho letto in queste vacanze natalizie. Lo consiglio a tutte e tutti a cui piacciono i romanzi storici di qualità.

    Rispondi

Lascia un commento