Luis Sepulveda

4.8
(55)

Quando parliamo di Luis Sepúlveda, parliamo di un poliedrico uomo di cultura che non solo fu famoso come scrittore ma anche come sceneggiatore, giornalista, poeta, regista e soprattutto attivista.

Lo stile della sua scrittura è decisamente originale e, per certi versi, inimitabile. La caratteristica è quella che lo stile narrativo, sia che si trattasse di un romanzo oppure di un diario di viaggio, è capace di interpretarne lo spirito e a trasmetterlo al lettore.

Risulta una scrittura rude e decisa ma anche raffinata e dolce che colpisce e coinvolge chi la legge perché si sente partecipe del racconto.

Storia e curiosità su Luis Sepúlveda

Luis Sepúlveda nasce in Cile a Ovalle il 4 ottobre 1949 e vive i suoi primi anni in compagnia di nonno Gerardo, un anarchico libertario che dalla natia Andalusia fu costretto ad emigrare nel Sud America per scampare ad una condanna a morte. Il piccolo Luis visse anche con lo zio, anarchico come il padre, e dai due trasse la passione per la politica e l’avventura.

Sin da ragazzo Luis riesce nella scrittura tanto da vincere una borsa di studi nel 1969 per l’Università moscovita di Lomonosov dalla quale fu espulso. Le ragioni della sua espulsione non vennero mai chiarite e ci sono due ipotesi: la prima è quella che lo vede a contatto con dei dissidenti politici, la seconda è quella di aver consumato una storia sentimentale con la sua professoressa. 

Questo evento non pregiudica la sua voglia di attivismo politico tanto che al rientro in patria si iscrive al Partito Socialista Cileno facendo addirittura parte della guardia del corpo del presidente Allende.

Nel 1973 dopo il golpe di Pinochet, fu arrestato e torturato, venendo liberato dopo sette mesi solo grazie all’intervento di Amnesty International.

Arrestato nuovamente a causa dei suoi lavori teatrali contrari al regime cileno, fu condannato all’ergastolo: pena tramutata in un esilio di otto anni che lo vide peregrinare prima verso l’Argentina dove non trova l’appoggio sperato e poi in Paraguay e successivamente in Ecuador dove crea una compagnia teatrale prima di partire con una spedizione scientifica dell’UNESCO per studiare l’impatto della civiltà su di una etnia indios.

La sua vita avventurosa continua nel 1978 in Nicaragua dove combatte con una brigata internazionale e, dopo la vittoria dei sandinisti, lavora come giornalista. 

Vola in Europa dove vivrà ad Amburgo e Parigi prima di scoprire Greenpace nel 1982, alla quale si unì alle loro spedizioni fino al 1987. Rientrato in Cile, inizia a scrivere romanzi e racconti e nel 1996 si trasferisce nelle Asturie dove rimarrà fino alla sua morte avvenuta nel 2020 a seguito del COVID-19.

Lo scrittore oltre allo spagnolo, sua lingua madre, parlava correttamente italiano, francese e inglese: fattore questo che lo aiutò nelle molteplici relazioni culturali alle quali partecipò.

Dei suoi romanzi, la lista che segue dev’essere intesa come un suggerimento per stimolare la lettura delle opere di questo autore così unico.

1 – Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare

Una piccola favola che cela una grande verità. La storia narra di uno stormo di gabbiani che vola rientrando dalla migrazione. Una giovane gabbiana dal nome Kengah sta quasi deponendo il primo uovo quando, insieme allo stormo, si tuffa dentro il mare per cercare pesci da mangiare e non ascolta l’avvertimento del gabbiano che stava di vedetta che urla di un imminente pericolo. Si trattava di una macchia di petrolio che sta arrivando fino allo stormo che, avvisato, scappa dal rischio. Chi non scappa è la gabbianella che si trova improvvisamente immersa nel petrolio. Resasi conto del pericolo mortale la gabbianella si tuffa nuovamente per pulirsi quanto basta per poter continuare a volare ma è troppo tardi per riprendere il volo come i suoi compagni. Riesce a raggiungere Amburgo dove cade all’interno del balcone di una casa dove trova un grosso gatto nero di nome Zorba al quale affida il suo uovo strappandogli la promessa di non mangiarlo, di accudire il piccolo gabbiano che nascerà e di insegnargli a volare. Il grosso micio promette per farla morire contenta anche se sa che sarà una promessa alla quale non potrà tener fede.

L’autore narra di un mondo dove è un valore fondamentale quello di aiutare chi si trova in difficoltà e dove, tutto è possibile.

OGGI risparmi 0,43 EUR
Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare
  • Editore: Salani
  • Autore: Luis Sepúlveda , Simona Mulazzani , Ilide Carmignani
  • Collana: Gl'istrici
  • Formato: Libro in brossura
  • Anno: 2017
  • Sepúlveda, Luis (Autore)

2 – Il vecchio che leggeva romanzi d’amore

Ai confini con la foresta amazzonica ecuadoregna vive l’anziano Antonio José Bolivar dove è giunto dopo aver trascorso gran parte della sua esistenza con tanti problemi. Il vecchio porta con se solamente una vecchia foto in bianco e nero che ritrae, sbiadita, l’immagine di quella che fu sua moglie; ricordi di esperienze e disavventure e alcuni libri sgualciti che raccontano storie d’amore che ha letto e riletto per riempire la solitudine all’interno di quella spelonca che lo ospita sulla riva di un fiume. Ma oltre a tutto questo poco che possiede, il vecchio sa di custodire un tesoro che è quello di aver vissuto nella grande foresta amazzonica in compagnia degli Shuar, l’etnia india che gli ha insegnato cose che nessun gringo avrà mai modo di comprendere.

OGGI risparmi 2,40 EUR
Il vecchio che leggeva romanzi d'amore
835 Recensioni
Il vecchio che leggeva romanzi d'amore
  • Sepúlveda, Luis (Autore)

3 – Il mondo alla fine del mondo

Da una nave giapponese che naviga nelle fredde acque del Cile, giunge un SOS ad Amburgo in un’agenzia stampa legata a Greenpace: siamo nel giugno del 1988. Il messaggio parla di gravi danni alle nave, 18 marinai morti e un non ben precisato numero di marinai feriti. Così inizia la storia che vede come protagonista, un giornalista cileno fuggito per motivi politici dal suo paese che, attraverso ipotesi e ricerche, scopre che la nave giapponese stava illegalmente a caccia di balene. Sarà solo questo il filo conduttore del romanzo? Assolutamente no e per saperlo occorre arrivare al mondo alla fine del mondo.

OGGI risparmi 0,75 EUR
Il mondo alla fine del mondo
221 Recensioni
Il mondo alla fine del mondo
  • Sepúlveda, Luis (Autore)

4 – Le rose di Atacama

Cosa hanno in comune un cantante che ha partecipato alla Primavera di Praga, un cileno che ha diretto una rivista eretta come prima barricata contro il regime di Pinochet e un cameraman fiammingo ucciso in Salvador dall’esercito?
L’avventura ed il vagabondaggio per il mondo, ma nulla a che vedere con Hermann Hesse ma storie narrate di anonime figure incontrate per il mondo che non hanno mai pensato di essere border line ma che un giorno sono apparse sulla scena, almeno per un giorno dell’anno come le rose che nascono e muoiono nel deserto di Atacama.

OGGI risparmi 0,50 EUR
Le rose di Atacama
  • Sepúlveda, Luis (Autore)

5 – Patagonia express

Si tratta del diario di viaggio dello scrittore durante una sua esplorazione in Patagonia e nella Terra del Fuoco. Semplici racconti ma anche incontri, riflessioni alla luce di un fuoco e leggende che dicono che l’avventura è ancora possibile viverla in questo scenario del Sud del globo dove puoi trovare l’anziano navigatore Eznaola perennemente alla ricerca del vascello fantasma che si aggira tra i canali; o i gauchos che si sfidano nel campionato di bugie della Patagonia ogni anno; o Kucimavic lo scienziato oppure Palacios l’aviatore ma anche le ombre dei mitici Butch Cassidy e Sundance Kid, tutte anime vissute circondate da un paesaggio mozzafiato.

OGGI risparmi 0,50 EUR
Patagonia express
  • Sepúlveda, Luis (Autore)

6 – L’ombra di quel che eravamo

L’anarchico Pedro Nolasco, conosciuto come l’Ombra, convoca a Santiago del Cile tre amici accomunati da una remota militanza che li vedeva sostenitori di Allende. Dopo molti anni la capitale è cambiata così come loro che non sono più quelli di un tempo. L’idea di Pedro è quello di fare l’ultima azione rivoluzionaria e i tre amici (chi con la pancia, chi senza più capelli e chi svalvolato dopo un soggiorno in un centro di tortura all’epoca di Pinochet) sono entusiasti di tornare – anche se per poco – quelli di un tempo ed attendono frementi l’arrivo di Pedro e l’inizio della missione. Ma il destino si mette di traverso…

OGGI risparmi 0,50 EUR
L'ombra di quel che eravamo: 1
71 Recensioni
L'ombra di quel che eravamo: 1
  • Sepúlveda, Luis (Autore)

7 – La frontiera scomparsa

Anche se non era segnata su alcuna mappa, in America Latina esisteva una frontiera che conduceva nei territori della felicità. Il problema è che la frontiera è sparita. Tuttavia c’è un giovane che, stufo di cercare quel punto scomparso, continua a girare anche alla ricerca delle proprie radici che vedono un villaggio in Andalusia dal quale il nonno anarchico è dovuto scappare ad inizio del XX secolo per difendere la sua libertà. Zaino sulle spalle e il tempo dalla sua, il giovane gira il mondo pagando caramente i suoi sogni per mantenere la promessa fatta a suo nonno di visitare il paese di utopia.

OGGI risparmi 0,50 EUR
La frontiera scomparsa
48 Recensioni
La frontiera scomparsa
  • Sepúlveda, Luis (Autore)

8 – La fine della storia

Con questo romanzo Luis Sepùlveda ci porta in giro per il XX secolo raccontandoci la Russia di Trockij e il Cile di Pinochet, la potente Germania e la sperduta Patagonia in tutto intrecciato nella storia di Juan Belmonte, combattente al fianco di Salvador Allende ma che oggi riposa tranquillo vivendo nella parte più estrema del sud cileno in compagnia della sua donna. Eppure il passato si ripresenta perché c’è bisogno della sua esperienza e della sua formidabile mira di cecchino.

La fine della storia
151 Recensioni
La fine della storia
  • Sepúlveda, Luis (Autore)

9 – Diario di un killer sentimentale

Si dice che un professionista rimane sempre tale anche se è una di quelle giornate iniziate male dove ne alcool e neppure una splendida mulatta avevano risollevato il suo umore. In fondo era un killer sentimentale nonostante i modi da duro. Altro piacevole racconto cucito da Luis Sepùlveda con spettacolare maestria.

OGGI risparmi 0,50 EUR
Diario di un killer sentimentale
137 Recensioni
Diario di un killer sentimentale
  • Sepúlveda, Luis (Autore)

10 – Storie ribelli

Ben 40 anni di incontri e di personalissima storia politica, umana e sociale di Sepùlveda sono narrati in questa raccolta di storie ribelli che vedono protagonisti famosi come Pablo Neruda, Josè Samarago, Soriano e altri ancora. Persone che hanno lottato in nome della libertà e in difesa dei più deboli. C’è anche un doveroso omaggio alla memoria di Oscar Lagos Rios, il più giovane delle guardie del corpo del presidente Allende che rimase fino all’epilogo di quel drammatico giorno dove venne assassinato nel palazzo della Moneda.
Commovente la prefazione dell’autore che rievoca il giorno nel quale gli fu restituita la nazionalità cilena.

OGGI risparmi 0,65 EUR
Storie ribelli
20 Recensioni
Storie ribelli
  • Sepúlveda, Luis (Autore)

Per completezza dai un’occhiata ad alcuni dei libri di Luis Sepùlveda più letti a Settembre 2022:

OGGI risparmi 4,00 EUR1
Il grande libro delle favole
  • Sepúlveda, Luis (Autore)
OGGI risparmi 2,40 EUR2
Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico
694 Recensioni
OGGI risparmi 2,40 EUR3
OGGI risparmi 1,80 EUR4
Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà
952 Recensioni

Grazie per aver consultato questo articolo e speriamo tu abbia trovato il libro di Luis Sepulveda che cercavi o libri di autori e argomenti simili. Per esprimere la tua opinione o per qualunque altra segnalazione puoi utilizzare i commenti.

Grazie

Quanto ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Voto medio 4.8 / 5. Numero di voti: 55

Non ci sono ancora voti. Sii il primo a votare questo articolo.

Se questo articolo ti è piaciuto...

Seguici su Facebook! 🙂

Ci spiace non ti sia piaciuto questo articolo!

Aiutaci a migliorare questo post

Puoi dirci cosa non va in questo post e come possiamo migliorare?

Lascia un commento